Istruzioni su imballaggio e Servizi Aggiuntivi

Istruzioni su imballaggio e Servizi Aggiuntivi

                           

 

     

COME GARANTIRE UN TRASPORTO SICURO

Gli articoli particolarmente grandi, pesanti o di forma irregolare devono essere imballati e maneggiati con maggiore attenzione. Spesso non possono essere impilati o sistemati sui nastri trasportatori durante il trasporto.

Per questo motivo, potresti dover pagare un sovrapprezzo.
Se la tua spedizione richiede un trattamento speciale, contattaci e riceverai assistenza.

                     

                                             Istruzioni per l'imballaggio

Invii ingombranti, di forma irregolare non imballati o non sovrapponibili con pesi maggiori a quelli indicati per ciascn prodotto e servizio sono soggetti a supplementi €. (vedi servizi aggiuntivi e supplementi su Spedireperte).

Un imballaggio corretto ti permette di evitare che il tuo pacco giunga a destinazione danneggiato e ti permette di individuare, una volta giunto a destinazione, che il contenuto non abbia subito alcun danno, caso contrario bisognera' firmare e accettare la merce con Riserva dI Controllo da indicare al momento della consegna, in mancanza di riserva non si potra' procedere alla richiesta del danno.

Al fine di avere la certezza che il pacco giunga a destinazione integro e senza alcun danno per la merce contenuta all'interno, è fondamentale un corretto imballaggio della merce e del pacco stesso, con l'utilizzo di materiali adatti in funzione di ciò che si deve spedire.                          

Per questo Spedireperte.it   ti fornisce una guida su come imballare un pacco:

DOCUMENTI                             

  • Utilizzare buste per documenti, anche imbottite.
  • Spedire solo materiale cartaceo, non rilegato.
  • Trascrivere mittente completo, destinatario completo e numero di tracciatura con un pennarello a punta grossa sulla busta.

PACCHI                                       ​  

  • Utilizzare una scatola di cartone ondulato a forma di parallelepipedo, nuovo, certificato per il peso da spedire, almeno a doppia onda ad alta resistenza, che sia adeguato agli oggetti da spedire.
  • Interporre tra le pareti interne della scatola ed il contenuto almeno 5cm di polistirolo in lastre intere di densità idonea ad attutire colpi o sollecitazioni.
  • Avvolgere ogni oggetto da spedire con almeno 2,5cm di polistirolo o pluriball in modo che siano debitamente separati.
  • Riempire ogni eventuale spazio vuoto all'interno del pacco con polistirolo, o altro materiale riempitivo. Ciò permette di evitare i danni causati dall'urto tra i prodotti e li protegge da colpi e vibrazioni derivanti da sollecitazioni esterne durante il trasporto.
  • Non unire 2 o più scatole in un unico corpo, ogni scatola deve avere la sua etichetta di trasporto.
  • Chiudere in maniera corretta la scatola con del nastro in PVC sensibile alla pressione o del nastro adesivo di nylon rinforzato, applicando almeno 3 strisce a croce (sia verticalmente che orizzontalmente) sia nella parte superiore che inferiore, in modo che le tre linee di giunzione siano sigillate.
  • Non avvolgere con carta da pacchi, cellophane o altro materiale il pacco, in quanto se si dovesse accidentalmente staccare, si perderebbe la lettera di vettura.
  • Applicare l'etichetta nella parte superiore del pacco. Per evitare confusione, mettere sul pacco una sola etichetta indirizzo.
  • Utilizzare una tasca trasparente per contenere eventuali documenti aggiuntivi (fattura, libera esportazione, etc), applicarla sulla stessa superficie del pacco su cui si trova l'etichetta di trasporto. Se non ci fosse sufficiente spazio applicarla lateramente.
  • Trascrivere mittente completo, destinatario completo e numero di tracciatura con un pennarello a punta grossa sul pacco.

Nel caso di spedizioni assicurate di bottiglie di vino, spumante, alcolici o simili, è obbligatorio utilizzare cantinette omologate, specifiche per la tipologia di bottiglia, nel caso potete richiedere e fornirvi presso i nostri Punti Vendita (logo spedireperte.it).

 

 

PALLET/PEDANE/BANCALI          

  • Utilizzare bancali con altezza standard, in modo da poter essere inforcati dal transpallet.
  • Confezionare la merce in cartoni appositi.
  • Posizionare la merce in modo che non ci siano spazi vuoti e che la forma sia regolare per permettere la sovrapponibilità di altre merci.

(caso contrario verrà' addebitato un costo aggiuntivo).

  • Lasciare un margine di sicurezza tra i prodotti ed il bordo del pallet
  • Fissare la merce alla pedana utilizzando reggette di plastica o metallo e/o cellophane da imballaggio.
  • Trascrivere mittente completo, destinatario completo e numero di tracciatura con un pennarello a punta grossa sulla merce, in modo ben visibile.

VALIGIE/BORSE

  • Le merci devono essere confezionate come se fossero dentro un pacco (vedi la voce "PACCHI").
  • Si consiglia di avvolgere la valigia nel cellophane da imballaggio o inserirla in un cartone per proteggerla durante il trasporto. Se si dovesse rovinare la valigia non ci sarebbe alcun rimborso in quanto considerato come imballaggio.
  • Se la valigia dovesse viaggiare senza cellophane o cartone, applicare i documenti di spedizione in modo che non si stacchino, in quanto la spedizione potrebbe andare persa. (Per esempio inserirli in una busta trasparente per archiviazione documenti ed effettuare molti giri di nastro a croce intorno tutto il perimetro della valigia.)
  • La valigia NON deve essere chiusa con lucchetti.
  • Trascrivere mittente completo, destinatario completo e numero di tracciatura con un pennarello a punta grossa sulla merce, in modo ben visibile.                                                                                                                               
  • Applica con attenzione le etichette per l’invio sulla parte esteriore eliminando tutte le etichette precedenti che non sono utili per l’invio. 
  • Imballo per spedizione Bottiglie

                                                        

 

 

Servizi Aggiuntivi

Importante sapere in fase di spedizione e consegna:
Firmare con riserva significa che il destinatario del bene ricevuto tramite il corriere si riserva di verificare l’integrità della merce e che, in caso di danni derivanti dal trasporto, il corriere ne dovrà rispondere. Il corriere, per legge (art. 1693 CC), è responsabile per i danni arrecati alle cose da trasportare, dal momento in cui le riceve sino al momento della consegna, a meno che non provi che la perdita o i danni sono derivati da:
– caso fortuito,
– dalla natura o dai vizi della cosa,
– dal loro imballaggio,
– o da responsabilità del mittente o del destinatario.
Il problema sta nel fatto che il corriere consegna al destinatario, nella maggior parte dei casi, il bene imballato in una scatola chiusa: per cui è difficile, nell’esperienza quotidiana, che il destinatario apra e verifichi alla presenza del corriere l’integrità e la funzionalità del bene. Si pensi per esempio a beni che richiedano un montaggio: ci possono essere torsioni ai pezzi in ferro, parti mancati perché perse durante il trasporto, strappi a parti delicate o in stoffa, ecc. Ecco perché è utile ricevere la merce con la cosiddetta clausola di riserva. Peraltro la norma che disciplina il contratto di trasporto di cose (art. 1698 CC) stabilisce che il ricevimento senza riserve delle cose trasportate impedisce al destinatario di denunciare al vettore i danni delle cose trasportate, tranne nel caso di dolo o colpa grave del vettore.
Ricorda anche che, nel caso di danni non riconoscibili al momento della consegna, il destinatario deve denunciare al corriere il danno entro otto giorni dal ricevimento, altrimenti perde il diritto ad ottenere il risarcimento dei danni dal vettore.

Ci piacerebbe pensare che i nostri pacchi viaggino in solitudine , perfettamente protetti, ma la verità è che affrontano il percorso stipati insieme a tanti altri pacchi, e che durante questi viaggi sono sottoposti alla pressione degli altri colli, a possibili colpi e cadute accidentali che esulano dalla professionalità delle risorse umane di un dato corriere espresso.

 

Spedizione Assicurata come Funziona:

Prima di intraprendere qualsiasi discorso sulle assicurazioni per le nostre spedizioni, è importante conoscere le leggi che regolano la cosiddetta “Limitazione di responsabilità del corriere”.
Infatti, nel trasportare i tuoi pacchi, lo spedizioniere ha degli obblighi in capo, che vengono regolamentati dalla convenzione CMR per quanto riguarda le spedizioni estere, e dagli articoli del codice Civile che regolano il trasporto di merce per le spedizioni nazionali.
Prendendo in esame la norma nazionale, si specifica bene quali siano le responsabilità che possono essere accollate al vettore, e, nel caso di smarrimento o danni, le misure economiche a cui riferirsi a titolo di indennizzo: appunto si definisce la limitazione di responsabilità.
Le leggi che ci interessano particolarmente - per il tema affrontato in questa guida - sono gli articoli 1693 e 1696:
  • Art. 1693: “Il vettore è responsabile della perdita e dell’avaria delle cose consegnategli per il trasporto, dal momento in cui le riceve a quelle in cui le riconsegna al destinatario, se non prova che la perdita o l’avaria è derivata da caso fortuito, dalla natura o dai vizi delle cose stesse o dal loro imballaggio o dal fatto del mittente o da quello del destinatario“.
     
  • Art. 1696: “Il danno derivante da perdita o da avaria si calcola secondo il prezzo corrente delle cose trasportate nel luogo e nel tempo della riconsegna.
Il risarcimento dovuto dal vettore non può essere superiore a un euro per ogni chilogrammo di peso lordo della merce perduta o avariata nei trasporti nazionali ed all'importo di cui all'articolo 23, comma 3, della Convenzione per il trasporto stradale di merci, ratificata con Legge 6 Dicembre 1960, n. 1621, e successive modificazioni, nei Trasporti internazionali. [...]”
Alla luce delle due norme riportate sopra, la legge riconosce le responsabilità del vettore circa la cura dei nostri invii, nel caso sia stata esclusa una colpa da imputare a mittente o destinatario, ma individua un indennizzo basato sul peso dichiarato dal mittente, in alcuni casi davvero irrisorio: pensate sempre al famoso tablet o all’orologio che avete appena acquistato: la legge stabilisce che in caso di smarrimento o danni, il vettore sia obbligato a risarcire solo un paio di euro.
Nel caso invece la tua spedizione sia diretta all’estero, avrai diritto ad un risarcimento di circa 8,50€ per chilogrammo se viaggia su gomma.
La spedizione assicurata, diventa, sotto questo punto di vista, necessaria per estendere la protezione prevista dalla legge, ma purtroppo, esigua e inconsistente per le tue spedizioni di valore o delicate.

 

Con un piccolo sovrapprezzo, calcolato a seconda dei parametri indicati dalla compagnia assicurativa a cui l’agenzia di spedizioni si affida, potrai quindi stare tranquillo poiché, se alla tua merce succede qualcosa, in caso il danno non possa essere imputabile ad una tua scorretta preparazione e gestione del pacco, potrai rivalerti sul corriere ed ottenere il rimborso dell’intero valore della tua spedizione.

Gli spedizionieri, come vedremo in seguito, offrono varie tipologie di assicurazione, a differenti prezzi: altre sono più convenienti, altre più care, ma come ogni cosa, l’importante è valutare la soluzione che meglio si adatta alle nostre esigenze.
Le assicurazioni infatti proposte possono:
  • Prevedere franchigie: A fronte di un minor costo della polizza, si accetta di assumersi parte del rischio, con conseguente diminuzione dell’importo risarcibile.
  • Essere calcolate Ad Valorem: In questo caso ci saranno delle percentuali variabili in base al valore della merce spedita e il rimborso sarà totale, a fronte del pagamento di una tariffa più alta. Questa è la soluzione indicata per la merce di un discreto valore.
  • Essere a premio unico: Con rimborsi al chilogrammo, maggiore di quello previsto per legge. Questa è la soluzione studiata per spedizioni pesanti.
 
Quando conviene optare per una spedizione assicurata
Quando si parla di spedizioni delicate o importanti, molto spesso la domanda è quanto sia realmente utile stipulare un’assicurazione: la risposta, come in molti ambiti riguardanti il mondo delle spedizioni, è dipende.
Dipende da molti fattori che solo tu puoi analizzare , ma, esclusi quelli di valutazione personale, tipo quanto sia importante emotivamente la merce contenuta nel tuo pacco, a definire la convenienza o meno di assicurare una spedizione, sono soprattutto due fattori oggettivi:
  • Il valore della merce.
  • La reale possibilità di provare il valore dichiarato.
In seguito approfondiremo meglio il discorso, ma sinteticamente basti pensare che ha senso assicurare una spedizione quando il valore della stessa supera in maniera significativa le limitazioni di responsabilità, e soprattutto quando, in fase di richiesta indennizzo, sei in grado di produrre prove fiscali riguardo il valore da te assicurato: senza nessuno scontrino, fattura o documento attestante l’importo reale, la totalità delle compagnie assicurative rigetterebbe la richiesta.
Sembra banale ricordarlo, ma molte volte assicuriamo beni di cui non possiamo provarne legalmente il valore, e in questo caso, pagare il sovrapprezzo di un’assicurazione è inutile.

 

Importante novità che sarà introdotta dal 1 luglio;  Applicazione Iva e oneri Doganali

A partire dal 1° luglio 2021 entreranno in vigore le nuove normative sull’IVA in Unione Europea.

Vi ricordiamo che potete trovare le principali novità sulla pagina dedicata sul sito www.fedex.comhttps://www.fedex.com/it-it/eu-vat-changes.html

Le novità introdotte potrebbero avere effetti su tutte le attività commerciali. In particolare, l’eliminazione dell’esenzione IVA per tutte le merci importate in UE di valore inferiore ai 22 € e l’introduzione dello sportello unico per le importazioni (IOSS) potrebbero comportare dei cambiamenti immediati per alcuni nostri clienti.

Dal 1° luglio 2021, infatti, su tutte le spedizioni idonee al di sotto dei 150 € che vengano importate in UE da Paesi o territori extra-UE senza avvalersi dello sportello unico IOSS (opzionale) per l’applicazione dell’IVA, tale imposta potrà essere applicata dalle autorità doganali al momento dell’ingresso della spedizione in area UE.

In caso di applicazione dell’IVA in fase di importazione, FedEx pagherà per conto del destinatario l’imposta alle autorità preposte. Al momento della consegna, l’importo pagato verrà addebitato al destinatario della spedizione comprensivo dell’Onere di esborso (o Disbursement Fee, precedentemente noto come Administration Fee); a riguardo, ricordiamo che FedEx ha modificato le modalità di calcolo e applicazione dell’Onere di esborso. Per maggiori dettagli, vi invitiamo a consultare la pagina dedicata sul sito fedex.com.

Questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Clicca qui per maggiori dettagli

Ok